Il racconto dell’Ancella | Recensione

Il racconto dell'ancellaPubblicato negli anni Ottanta, la sua fama e quella di Margaret Atwood è esplosa giusto qualche anno fa per via della serie TV prodotta negli Stati Uniti. Ormai vanno sempre così le cose, ma ben venga se questo ci consente di poter apprezzare romanzi di qualità finiti un po’ in sordina. Ho sentito tanti pareri diversi su Il racconto dell’ancella, c’è chi lo amato come l’amica che me lo ha regalato, chi è arrivato in fondo ma è rimasto un po’ deluso e chi ha deciso di interrompere la lettura perché proprio non ci si raccapezzava. Continua a leggere “Il racconto dell’Ancella | Recensione”

Sponsored Post Learn from the experts: Create a successful blog with our brand new courseThe WordPress.com Blog

WordPress.com is excited to announce our newest offering: a course just for beginning bloggers where you’ll learn everything you need to know about blogging from the most trusted experts in the industry. We have helped millions of blogs get up and running, we know what works, and we want you to to know everything we know. This course provides all the fundamental skills and inspiration you need to get your blog started, an interactive community forum, and content updated annually.

Frankenstein | Recensione

FrankensteinFrankenstein di Mary Shelley rientra tra quei classici di cui si pensa di sapere tutto, avendone sempre sentito parlare, e che di conseguenza non si legge mai. Ma un bel giorno ho ritenuto fosse d’obbligo porre rimedio a questa lacuna, soprattutto perché nella mia mente Frankenstein era la controparte di Dracula, e pertanto non potevo lasciare a metà questa “impresa di recupero”. Speravo soltanto di non ricevere un’altra delusione. Continua a leggere “Frankenstein | Recensione”

La spagnola: Storia dell’influenza che cambiò il mondo | Recensione

la spagnolaLa cosa bella di seguire blog in cui si parla di libri è che si ampliano a dismisura gli orizzonti sul panorama letterario mondiale presente e passato. Non troppo tempo fa Monique Namie ci ha presentato un saggio di Richard Collier che per tematica è molto vicino ai giorni nostri. Come dice lei stessa, se c’è chi già è sopraffatto dalla situazione attuale e non vuol più sentire parlare di pandemie, qualcun altro ha invece bisogno di approfondire. Intrigata dalla sua recensione e dalle citazioni che aveva riportato, non ci ho pensato più di tanto prima di acquistare anche io il libro di cui parleremo oggi.

Il lavoro di ricerca dell’autore, come menzionato nelle note finali al libro, è stato immenso e ha coinvolto diverse equipe di persone, nonché 1708 sopravvissuti che hanno fornito una diretta testimonianza. Per chi non lo sapesse, con “spagnola” venne denominata una pandemia influenzale che colpì il mondo tra il 1918 e il 1919, sul finire della Prima guerra mondiale. Il nome è dovuto al fatto che si pensava avesse avuto origine in Spagna. Un po’ come è successo con il coronavirus, che ha subito ricevuto l’appellativo di “virus cinese“. Fortunatamente per noi, gli esperti sono riusciti presto a localizzarlo e assegnargli un nome scientifico e neutro, SARS-CoV-2, da cui si origina la malattia COVID-19. Questa operazione, infatti, è di fondamentale importanza per evitare di stigmatizzare una certa nazione o popolo, attribuendogli tutta la colpa, pensando che semplicemente tagliando i ponti con loro il problema sia risolto, perché noi altri siamo tutti più “avanzati”, prontissimi e pensiamo sia impossibile che ci capiti la stessa cosa. Così facendo, facciamo solo un favore al virus che, ben prima che ce ne rendiamo conto, ha già attraversato qualsiasi confine e non fa distinzioni tra uno Stato e l’altro.

la spagnola

La paura di venire additati come colpevoli e subirne le conseguenze porta inizialmente alla negazione della realtà, concedendo un vantaggio ancora più grande al virus. Nonostante l’infezione fosse già stata denunciata in Spagna a febbraio, le “autorità cittadine – temendo il boicottaggio da parte dei turisti estivi – avevano fatto del loro meglio per mettere a tacere la cosa“. Tutti inizialmente agivano come se il problema non esistesse, le navi continuavano a trasportare persone da una parte all’altra del globo e, nonostante ci fosse gente chiaramente malata a bordo, veniva fatta sbarcare senza alcun tipo di fermo o controllo, favorendo così il dilagare dell’epidemia. Finché la gravità della situazione non divenne evidente e la prima reazione fu, per l’appunto, addossare la colpa agli altri: per i russi i responsabili erano le tribù kirghise delle steppe del Turkestan, la Germania accusava i genieri cinesi presenti in Francia dietro le linee inglesi, in Argentina bandirono la paella tanto erano furibondi nei confronti della Spagna. Ma non basta. Le teorie complottistiche esistevano già allora: negli Stati Uniti si arrivò a sostenere che “la spagnola fosse l’arma segreta del Kaiser, diffusa da agenti sbarcati sulla costa orientale americana da sommergibili tedeschi. Rimaneva inesplicato un fatto che lasciava perplessi: <<l’arma segreta del Kaiser>> avrebbe troncato le vite di oltre duentoventicinquemila tedeschi“.

Notate qualche somiglianza tra allora e oggi? Non ci si ferma qua purtroppo. Leggere questo libro ha avuto lo stesso effetto di trovarsi davanti a un film già visto, tale è la natura dei fatti narrati. È come se oggi vivessimo una copia carbone di cento anni fa. Le mascherine prima erano introvabili, tanto che infermiere e inservienti ricorrevano alle “reticelle metalliche dei colini della salsa […] imbottite con garza medicata“, poi si diffusero di ogni foggia e forma per soddisfare i gusti della gente. Teatri e cinema chiudevano, si inventava la consegna d’asporto da parte dei ristoranti, si attivavano corsi per corrispondenza, a lavoro si facevano i turni e si cercava di evitare i mezzi pubblici sovraffollati, mentre per le strade si spargevano litri e litri di disinfettante superfluo. I contatti con i parenti ammalati erano difficili e il numero delle chiamate telefoniche era tale che si dovettero stabilire norme per chi dovesse chiamare e chi essere chiamato. Non solo, non potevano mancare di certo i negazionisti, e così a Londra per celia “si organizzavano gli <<starnuto>> party, con bottiglie di champagne come premio per gli starnuti più energici“.

Eppure, così come è successo a noi, non si può dimenticare il grande sforzo della comunità medica per far fronte al nemico comune. Tantissimi si adoperarono per dare il loro piccolo ma importante contributo. Con gran parte delle risorse al fronte, negli ospedali tornarono a lavorare medici con più di ottant’anni, affiancati da infermiere novelline ed inesperte. Privi di rifornimenti, si arrangiavano con mezzi di fortuna e continuavano a lavorare nonostante anche loro cadessero malati. Sarà banale ripeterlo, ma dobbiamo davvero loro un grazie enorme: moderni eroi, ogni giorno combattono in prima linea rischiando in prima persona.

Nonostante il tema trattato e i numerosi episodi finiti in tragedia (anche se non mancano le belle storie), non ho trovato il libro pesante, grazie alla modalità con cui l’autore ha deciso di raccontarci questa parte della nostra storia più recente. Si procede in ordine strettamente cronologico, ogni capitolo copre un numero preciso di giorni (il primo ad esempio va dal 3 al 12 settembre 2018), ma la natura della narrazione è quasi aneddotica. E in mezzo a tutti i singoli che fanno solo una breve comparsa, un filo conduttore lo creano le storie di alcuni uomini e donne che ritroviamo dai primi agli ultimi capitoli e ai quali ci si affeziona. Per citarne alcuni, la ventitreenne italiana Tersilia Vincenzotto (che deve correre al capezzale del marito Oscar, caduto malato al fronte), il medico spagnolo Juan Zamora (che in più di un’occasione salva la vita a malati dati per spacciati), l’infermiera danese Else Dahl (che quando si sente chiamata al suo dovere si mette a disposizione della comunità, nonostante il parere contrario del marito timoroso che anche il figlio possa ammalarsi), la giovanissima londinese Lydia Phillips (che non si arrende neanche quando capisce che il suo sogno di diventare infermiera comporta una realtà ben più dura di quella che immaginava), il giovane soldato inglese John Lewis Barkley (impegnato a combattere contro i tedeschi), il reverendo Walter Perrett (guida spirituale di una comunità di eschimesi del Labrador), il tenente Hector MacQuerrie (che trova a Tahiti una seconda patria e si prodiga per ricambiare l’accoglienza allestendo un ospedale). E oltre a loro, tanti altri.

La cosa davvero strana è che di questa influenza non parla mai nessuno, forse non si trova neanche sui libri di storia o è appena accennata. Ricordo che una delle primissime volte in cui ne ho sentito parlare è stato leggendo nientepocodimeno che Twilight: l’ormai famoso Edward infatti è stato trasformato in vampiro quando era in punto di morte proprio a causa della spagnola. Forse è a causa di questa cancellazione del passato che siamo stati colti così impreparati appena un anno fa. Di certo moltissime cose sono migliorate da allora: è stata proprio la spagnola a mettere in luce i gravi problemi di miseria e le scarse norme di igiene che caratterizzavano la vita dell’epoca e a cui si è posto rimedio con l’applicazione di regolamenti severissimi grazie ai quali oggi certi comportamenti sono diventati la normalità (lavare i piatti con acqua bollente o sterilizzare i gabinetti).

Ma l’insegnamento più grande valido allora, oggi e per sempre è che “nessuna nazione – nessun uomo – poteva più essere un’isola“.

I tre moschettieri | Recensione

I tre moschettieriGià che ci ho preso gusto, continuiamo sulla scia di quei libri, nonché classici, con cui non è scattata la scintilla. Ho conosciuto Alexandre Dumas padre con Il conte di Montecristo, che è finito dritto dritto tra i miei preferiti in assoluto (l’ho letto anche più di una volta). Così ho iniziato I tre moschettieri con altissime aspettative, anche perché era il romanzo preferito di una ragazza che conosco e che come me ama leggere. Sfortunatamente, l’esito non è stato assolutamente quello sperato.

Si capisce subito che ci troviamo davanti a un vero e proprio feuilleton, scritto a puntate per intrattenere il pubblico e soprattutto per guadagnarci. Non che questo fosse sinonimo di cattiva scrittura, ma è proprio la trama scelta che a mio parere non sta in piedi: sembra non avere né capo né coda, con vicende che si succedono senza soluzione di continuità e personaggi un po’ piatti che corrono da una parte all’altra.

I tre moschettieri

Cosa mi succede se dico che ho trovato D’Artagnan insopportabile? Sta sempre a mezzo, è impulsivo, facile all’innamoramento, pronto a tirar fuori la spada alla minima provocazione e a infilzare senza rimorsi chi gli sta davanti. Ma altri non sono da meno. Non ricordo di aver mai letto un altro libro in cui si parla di uccisioni di uomini con così tanta nonchalance. Peggio che ne Il trono di spade: almeno lì queste scene sono volute per mettere in risalto la brutalità di cui è capace l’uomo, ci fanno ribrezzo; in questo caso invece sembrano giustificate perché attuate da protagonisti che tutti amano.

Porthos non riesce meglio nel tentativo di conquistarsi la mia simpatia, vanitoso com’è. Aramis è sfuggente, un po’ vuole fare il moschettiere, un po’ il prete, ma è invischiato con almeno una o più amanti. Athos riesce a spiccare un po’ di più e l’ho apprezzato per varie ragioni. Più grande per età, è la mente che ragiona, riflette e mitiga l’animo ardente di D’Artagnan. Ed è l’unico di cui conosciamo anche il passato.

Poi abbiamo un re Luigi XIII incapace che più che regnare è in pena per i tradimenti della moglie e bisticcia come cane e gatto con il Cardinale, colui che lo aiuta a governare. La moglie in questione è la povera principessa d’Austria, innamorata di un duca inglese, Buckingham, e passa il tempo a crogiolarsi nella sua tristezza e a spedire lettere all’amato. Il Cardinale dovrebbe rappresentare il cattivo, ma non sta facendo altro che proteggere il regno da chi si allea con il nemico, no? Milady, odiosissima e spietata, ha almeno un po’ di sale in zucca e spirito di iniziativa.

La trama, dicevamo, Una miscela di situazioni al limite della verosimiglianza (soprattutto per la rapidità con cui tutto succede): inseguimenti, sequestri, spie, duelli, fughe, missioni all’estero, guerre, rapimenti, salvataggi mancati e così via. In trasposizione cinematografica potrebbe quasi avere un suo perché, come romanzo non è davvero nelle mie corde. Ma caro Dumas, non preoccuparti, mi hai conquistato con Edmond Dantès e possiamo considerare I tre moschettieri come un semplice incidente di percorso tra noi. Ti perdono e continuerai ad avere il mio appoggio di lettrice.

Dracula | Recensione

DraculaNon so se si è notato, ma finora qui sul blog ho sempre presentato libri che avevano ottenuto la mia approvazione. Stavolta però devo farlo, è giunta l’ora della nostra primissima unpopular opinion con un classico che ha segnato la storia della letteratura, e spero di non suscitare le ire di nessuno affermando che Dracula, di Bram Stoker, mi ha lasciato l’amaro in bocca. Molto probabilmente sono io il problema, e sarei molto felice di trovare qualcuno in grado di farmi cambiare idea. Continua a leggere “Dracula | Recensione”